Natale a ischia in Hotel : con DimHotels offerte e pacchetti per il natale a ischia

Viene il Natale ad Ischia e l’Isola si colora di luci per festeggiare i suoi turisti che con entusiasmo e curiosità vengono a trascorrere le loro vacanze natalizie nella nostra bellissima Ischia.

Ad Ischia Ponte davanti al Castello Aragonese sul piazzale delle Alghe viene allestito un grande Albero di Natale alto 5 metri che domina tutta la zona dello Stradone e delle Chiazze. Nella zona si allestiscono diversi presepi artistici sapientemente costruiti dalle mani di abili artigiani, che durante tutto l’anno sono impegnati all’invenzione e realizzazione di nuovi scenari il tutto attenendosi scrupolosamente alla tradizione storica religiosa.

L’opera degli artigiani però non si ferma solo alla scelta dei paesaggi, ma viene arricchita da numerose e dinamiche statuette di ogni genere, pastori, animali, angeli, mercanti, viaggiatori e da stupende costruzioni di Case, Negozi e Castelli dell’epoca che attribuiscono una magica atmosfera a tutto il resto dell’opera. Oltre i presepi artistici nella stessa zona di Ischia Ponte ci sono le chiese della Cattedrale e dello Spirito Santo dove sono custodite le reliquie di San Giovan Giuseppe della Croce patrono dell’Isola d’Ischia e dove si tengono tutte le funzioni relative al periodo di avvento e Natalizio.

Inoltre è possibile trovare tanti negozi per lo shopping di souvenir da acquistare per ricordare la vacanza di Natale trascorsa ad Ischia. E dalla zona di Ischia Ponte ci si sposta alla zona di Ischia Porto passando per Piazza degli Eroi dove si scorge in mezzo alla rotonda un altro grande Albero di Natale attrezzato con luci sfolgoranti che illumina a giorno tutta la zona circostante, qui ci si può fermare presso il Bar Pasticceria e Gelateria Calise per gustare i sapori della tradizione napoletana con le sue delizie: sfogliatelle, baba’, roccoco’, mostaccioli, struffoli e pastiere. Passando poi per Corso Vittoria Colonna è un vero trionfo di addobbi natalizi e musiche a tema che risuonano nelle strade dai circostanti negozi che per l’occasione restano aperti fino a tarda sera.

Per gli amanti del Teatro è possibile assistere presso il Cine Teatro Excelsior Ischia alle rappresentazioni di commedie divertentissime dei maestri Napoletani come Scarpetta, De Filippo che sono messe in scena da Compagnie sia Ischitane che Napoletane.

Citiamo fra tutte la famosissima “Natale in Casa Cupiello” che appartiene di diritto al patrimonio culturale della tradizione Napoletana del grandissimo Eduardo De Filippo di cui riportiamo la trama: Durante l'antivigilia di Natale , Luca Cupiello, un napoletano, "uomo di fiducia" (come dice lui stesso enfaticamente presentandosi a Vittorio, l'amico del figlio), in realtà semplice guardiano di una tipografia, si prepara alla festività insieme alla moglie Concetta e allo scapestrato figlio Tommasino. Mentre è intento nella preparazione dell'amato presepe, irrompe in casa la figlia Ninuccia, agitata per l'ennesima lite appena avuta con il marito Nicolino.

Dopo aver ascoltato il racconto della figlia, Concetta, in preda alla rabbia per le continue critiche del marito, sviene facendo cadere una lettera, strappata con forza poco prima dalle mani della figlia, nella quale quest'ultima comunica al marito l'intenzione di lasciarlo e di scappare via con il suo amante Vittorio. Disgraziatamente, Luca la trova e la consegna al genero, ormai giunto in casa dei suoceri, credendo che sia una lettera sfuggitagli di mano.

Dopo esser arrivata fino alle lacrime per riappacificare Ninuccia e Nicolino, Concetta prepara la cena della vigilia a cui parteciperanno anche la figlia e il genero. Tommasino arriverà a casa accompagnato da Vittorio, suo amico e amante di Ninuccia. I tentativi di Concetta di allontanarlo saranno vanificati dalla gentilezza di Luca, ignaro di tutta la situazione.

Vittorio rimarrà così alla cena. Dopo l'arrivo di Ninuccia e Nicolino e la successiva presentazione tra quest'ultimo e Vittorio, la situazione precipiterà.

A causa di questo improvviso mutamento, Luca, per anni vissuto nel beato candore della sua ignoranza, si ammalerà (probabilmente colpito da ictus) restando inchiodato al letto vittima di gravi difficoltà motorie e vocali ma tentando fino all'ultimo di riappacificare la figlia e il genero. E soprattutto di sentirsi affermare da Tommasino il suo gradimento per il presepe, sempre negato nonostante le insistenze presenti in tutta la storia. Dopo esservi divertiti passiamo a rilassarci nelle calde acque termali dei nostri Alberghi ad Ischia che completano il tempo libero della vostra vacanza natalizia. A tutto quanto poi aggiungete un pizzico di Beauty Farm tra massaggi e trattamenti estetici ed il cocktail è servito.


Iscriviti alla newsletter
Iscriviti